Dal Farra: “Lega dice No ai 3 consiglieri, per loro siamo territorio di serie B” 1


“La vicenda del progetto di legge elettorale in discussione in questi giorni in Consiglio regionale è la conferma di ciò che denunciamo da tempo: il governo regionale centralista di Zaia continua a depotenziare la nostra provincia, ignorando le esigenze dettate dalla specificità del nostro territorio, riconosciuta dallo Statuto regionale” – dichiara la Segretaria provinciale del PD Bellunese Erika Dal Farra. “Lo abbiamo visto in varie occasioni, l’ultima pochi giorni fa con la vicenda dell’ospedale San Martino di Belluno; lo rivediamo oggi con la discussione sulla legge elettorale regionale. E’ una storia che si ripete e noi bellunesi siamo stufi di vedere calpestati i nostri diritti, da quello alla salute a quello di una degna rappresentanza democratica”.

“Ringraziamo il Consigliere regionale PD Graziano Azzalin – prosegue Dal Farra – per aver presentato un emendamento per garantire tre rappresentanti a Palazzo Ferro Fini per le province di Rovigo e Belluno. Il No della Lega a questo emendamento è la conferma di ciò che ribadiamo da tempo e cioè che in Veneto per loro esistono territori di serie A e di serie B.”

“Ci preoccupa molto il silenzio assordante da parte dei rappresentanti bellunesi in Consiglio regionale – conclude la Segretaria PD – che sembrano accettare tutto questo senza proferire una sola parola in difesa del proprio territorio e dei cittadini che rappresentano in quella sede”.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “Dal Farra: “Lega dice No ai 3 consiglieri, per loro siamo territorio di serie B”

  • Angelina stefan

    Il silenzio assordante dell’ass. Regionale e del Consigliere e’ motivato dall’impossibilita’ di essere contro il Presidente, pero’ a noi il compito di denunciare l’inerzia di questi due rappresentanti, che per la privincia di Belluno non stanno facendo nulla, i cittadini bellunesi che li hanno sostenuti devono sapere a chi hanno dato il consenso.