Roger De Menech riunisce gli amministratori per un confronto sul futuro del Bellunese 1


Il deputato bellunese Roger De Menech riunisce Lunedì 27 Novembre sindaci e amministratori per affrontare insieme il futuro della comunità bellunese. L’incontro è intitolato “Provincia di Belluno: Una polveriera pronta a esplodere?”. 

«E’ solo il primo passo», spiega De Menech. «In seguito, insieme agli amministratori ci confronteremo con tutti i portatori di interesse, a partire dalle categorie economiche e sociali per decidere un percorso unitario. Una cosa è certa: fermi non possiamo stare, significherebbe arrendersi alla marginalità. Sono venti anni che chiediamo misure strutturali per ridurre il “differenziale montagna”. Qualche piccolo passo avanti è stato fatto grazie ai governi nazionali, ma è del tutto insufficiente, soprattutto perché la Regione non sembra determinata. Qui c’è una comunità che si spopola e che invecchia, poco attrattiva per i giovani e molto difficile da gestire. O a Roma e soprattutto a Venezia si mettono in testa che questa è la questione da risolvere, ora, oppure decideremo per noi. In piena autonomia».

L’incontro di lunedì è aperto a tutti i sindaci, gli amministratori e i cittadini interessati a costruire un futuro equo per il Bellunese. Ci sarà Erika Dal Farra, segretaria provinciale del PD, a testimoniare l’attenzione della politica sul tema e in considerazione dell’assemblea del partito convocata lo stesso giorno per discutere del dopo Sappada.

Partecipano tra gli altri: il presidente della Provincia e sindaco di Longarone, Roberto Padrin; il sindaco di Val di Zoldo, Camillo De Pellegrin; il sindaco di Lamon, Ornella Noventa; il vicesindaco di Feltre, Alessandro Del Bianco.
L’appuntamento è alle ore 18.00 in Sala Luciani del Centro Giovanni XXIII di Belluno.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “Roger De Menech riunisce gli amministratori per un confronto sul futuro del Bellunese

  • Svaluto Moreolo mario

    “Un territorio debole e fragile: serve coraggio”
    Svaluto Moreolo (Circolo Oltrardo): “Le fughe ? A Venezia”

    IL MALUMORE

    BELLUNO Preda di Trento e Bolzano, o sguardo verso la pianura?
    Il dubbio non è amletico, per quanto esistenziale. E’ una provocazione.
    E arriva all’indomani dello “scoppio della polveriera” ovvero della serata-convegno organizzata dal PD e dal deputato Roger De Menech per discutere della situazione provinciale dopo l’addio di Sappada.
    Il rischio è emerso dalla serata di lunedi – è che il trasloco in Friuli Venezia Giulia del Comune ormai ex bellunese possa scatenare un effetto domino
    Del resto, sono diversi i Comuni che hanno espresso una volontà chiara di andare “dall’altra parte”, verso Trento e Bolzano.
    Cortina su tutti.
    Ed è normale aspettarsi che 1’Alto Adige non si lascerà scappare la possibilità di mettere le mani sulla “perla” delle Dolomiti.
    Da qui la domanda lanciata lanciata come una bomba nella polveriera: «Perché non andare con la Città metropolitana di Venezia ?”
    Lo chiede Mario Svaluto Moreolo, segretario del circolo Qltrardo.
    « Ho assistito al dibattito, è stata l’occasione per prendere atto della condizione di debolezza e fragilità in cui versa la nostra comunità provinciale”.
    II segretario dell’0ltrardo ripropone una sua riflessione del 2014.
    Evidentemente i tempi cambiano. la provincia di Belluno no.
    «La comunità e la politica si trovano di fronte a una seria valutazione sulla situazione istituzionale e territoriale.
    A nord c’è la Regione Autonoma Trentino-Alto Adige, con tutto il peso politico, economico e strutturale di cui e dotata.
    A sud c’è la città metropolitana di Venezia, con il suo peso politico, economico e strutturale.
    E necessaria una presa di posizione coraggiosa, responsabile e di prospettiva circa la collocazione della nostra Provincia.
    E’ più utile una Provincia, a sé stante che si raccordi definitivamente alle due realtà autonome di Trento e Bolzano?
    O è più utile una Provincia che si raccordi o faccia parte della Città Metropolitana di Venezia, rivendicando comunque la specificità garantita dallo Statuto Regionale?”
    Ai posteri…..ops, alla politica, l’ ardua sentenza.

    Damiano Tormen – Il Gazzettino 29 novembre 2017