Direzione regionale PD: Sì ai 2 referendum del 22 Ottobre


Sì a un Veneto più vicino ai cittadini. La Direzione regionale del Partito Democratico ha approvato ieri, Lunedì 31 Luglio, il documento con cui dà indicazione di voto favorevole al quesito referendario approvato dalla Corte Costituzionale. “Il quesito sta pienamente dentro l’alveo della riforma costituzionale ideata, voluta e approvata dal centrosinistra nel 2001”, rimarca il Segretario regionale PD Alessandro Bisato. “Sono oltre vent’anni che il centrosinistra opera concretamente a livello regionale e a livello nazionale per garantire maggiore autonomia alle regioni. Per questo la nostra indicazione di voto favorevole è quasi naturale e scontata”.

Restano molte ombre sullo strumento scelto dall’attuale maggioranza al governo del Veneto. “La Lega Nord e il presidente pro tempore del Veneto hanno scelto la via referendaria quando avrebbero tranquillamente potuto aprire il confronto con il Governo nazionale (che nella primavera del 2016 si era dichiarato pronto ad avviare la trattativa, ndr). Temo che verranno utilizzati oltre 14 milioni di euro prelevati dalle tasse di cittadini e imprese per una gigantesca campagna propagandistica a uso e consumo personale del Presidente Zaia. È chiaro a tutti che, qualsiasi sia l’esito del referendum, non stiamo parlando dell’autonomia sul modello di Trento e Bolzano e neppure di Trieste, Aosta, Cagliari o Palermo; è lapalissiano che non tratterremo un centesimo in più del residuo fiscale prodotto in Veneto e non otterremo più autonomia di quella prevista in base all’art. 116 comma 3 Cost., sulla quale continuiamo a invitare la Regione ad avviare il confronto con il Governo. Un confronto che il Veneto avrebbe potuto avviare fin dai primi mesi del 2002, ma in questi 15 anni nulla ha fatto”.

Per il Partito Democratico Veneto, autonomia fa rima con responsabilità, non certo con propaganda.

Puoi leggere l’articolo integrale e il documento approvato dalla direzione QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.