Lotta alla violenza sulle donne, Lucia Saviane: «Mettiamo fine alla società patriarcale»

«Si sta avvicinando la fine del mese e anche questa volta dobbiamo fare i conti con un tragico bilancio: ben nove femminicidi, uno ogni due giorni e mezzo». Ad affermarlo è Lucia Saviane, portavoce provinciale delle Donne Democratiche.

Secondo il report del Dipartimento della Pubblica sicurezza, tra il 1° gennaio e il 19 giugno 2022 sono stati registrati 131 omicidi, con 56 vittime donne, di cui 49 uccise in ambito familiare o affettivo. Confrontando questi dati con lo stesso periodo del 2021 emerge che il numero delle vittime di genere femminile resta costante. Ma i tempi necessari alla magistratura per valutare le singole denunce raramente sono rapidi, nonostante le leggi lo impongano.

E’ in queste pieghe che si annidano i violenti, rendendo impossibile la protezione delle loro vittime. Le donne chiedono aiuto, ma spesso sono sole nella gestione di relazioni avvelenate dalla violenza: «Dobbiamo trovare coraggio per cogliere i segnali di odio e di violenza» riprende Lucia Saviane «e isolare tutti gli odiatori e i violenti. Solo pochi giorni fa, nella nostra provincia, Cloe Bianco si è data fuoco perché vittima di omotransfobia. Ecco perché abbiamo bisogno immediatamente del Ddl Zan».

E conclude: «I numeri ci dicono che, già oggi, la Legge 194 non viene applicata come dovrebbe. Bisogna continuare a tenere alta l’attenzione su questi temi, non dobbiamo mai smettere di lottare per i nostri diritti. È urgente porre fine a questa società patriarcale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.