Polizia ferroviaria: riattivare il Posto di Calalzo

Roma, 7 Febbraio 2020

Nei giorni scorsi, il deputato Roger De Menech ha incontrato il Sottosegretario all’Interno Matteo Mauri in merito al progetto di riorganizzazione della Polizia di Stato che prevede, tra l’altro, la soppressione del Posto di Polizia Ferroviaria di Calalzo di Cadore. 

«Come evidenziato in una nota del Sindacato Unitario Lavoratori Polizia, ho chiesto al Sottosegretario di riconsiderare il progetto e di ripianare l’organico del Posto di Calalzo, azzerato a fine 2018 a causa di pensionamenti e provvedimenti di mobilità» afferma l’on. De Menech.

«I prossimi grandi eventi che coinvolgeranno l’alto Bellunese, Mondiali di Sci 2021 e le Olimpiadi 2026, richiameranno un maggiore numero di turisti, visitatori e appassionati alle discipline sportive invernali. Sono da prevedere flussi di persone in aumento con migliaia di persone che utilizzeranno la ferrovia oltre che la viabilità ordinaria per raggiungere le località turistiche. Inoltre, il piano di elettrificazione dell’intera tratta ferroviaria, da Venezia e da Padova fino a Calalzo, renderà più veloce, comodo e competitivo il trasporto su ferro ed è quindi facilmente ipotizzabile un sensibile incremento del numero di viaggiatori sui treni da e per la pianura».

Il sottosegretario Mauri ha assicurato di approfondire la questione sotto il profilo tecnico, anche con i responsabili della Polizia di Stato con i sindacati per verificare lo spazio di eventuali modifiche al piano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.