Ucraina, Lotto (PD): «Risposta unitaria e ferma dell’Europa»

«Dobbiamo restare uniti e non avere tentennamenti. Come ha spiegato ieri il segretario nazionale Enrico Letta, l’aggressione di Putin all’Ucraina è un nuovo 11 settembre, una data che cambierà la storia dell’Europa e degli europei». Lo afferma la Segretaria provinciale del Partito Democratico, Monica Lotto, che questa mattina ha partecipato a Belluno al presidio per la pace in Ucraina convocato da Cgil, Cisl e Uil. Alla manifestazione hanno aderito diverse altre sigle, organizzazioni e associazioni di volontariato e vi hanno partecipato molti Comuni.

«Siamo di fronte a uno scontro di civiltà e di concezioni del mondo», sottolinea la Segretaria. «Da una parte le democrazie occidentali, che pur con tutti i loro difetti garantiscono i diritti individuali e le libertà, dall’altra quell’autoritarismo che tanta fascinazione irradia non solo in Asia ma anche qui da noi. Di fronte a questa minaccia la risposta dell’Italia, dell’Europa e dei suoi alleati deve essere improntata alla massima severità. Non contro il popolo russo che sappiamo essere silenziato con la forza, ma contro i tiranni che lo opprimono».

In questo momento, accanto alle sanzioni contro la Russia, assicura Lotto, «vogliamo essere pronti ad aiutare donne, bambini, anziani e rifugiati in fuga dall’Ucraina».

Un pensiero su “Ucraina, Lotto (PD): «Risposta unitaria e ferma dell’Europa»

  • 2 Marzo 2022 in 18:49
    Permalink

    Belluno-Oltrardo, 27 febbraio 2022

    UCRAINA
    Invasione russa:
    altro che comprensione e difesa del Donbass,
    altro che una “semplice” operazione !!!

    Il Circolo del Partito Democratico dell’Oltrardo (Belluno) ha già espresso la sua netta condanna dell’invasione con altro documento recentemente elaborato e reso noto.
    Il Circolo del Partito Democratico dell’Oltrardo ha ricevuto molte comunicazioni lettere, sollecitazioni e articoli di giornale.
    L’invito pressante è quello di prendere posizione netta e severa su varie dichiarazioni che hanno sconcertato tanti, tantissimi cittadini iscritti o meno al Partito Democratico.

    Sinteticamente:

    1 – La posizione di Massimo D’Alema che dovrebbe rientrare nel Partito Democratico.

    2 – L’ANPI – Meritoria Associazione che – dopo la rottura del 1947 – da rappresentante dei Partigiani Comunisti si è via, via trasformata di fatto in Partito.
    La stessa Associazione che ha negato la tessera ANPI alla Senatrice Laura Puppato rea di aver votato “SI” al referendum sul “DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE” proposta dal Governo Renzi nel 2014.

    3 – Landini – Segretario CGIL – Analoga trasformazione da Sindacato a “cinghia di trasmissione del P.C.I.” e sempre più impegnata sul piano politico-partitico.

    Le dichiarazioni di questi tre soggetti politici hanno un filo rosso comune che li lega.
    Dopo aver ovviamente condannato l’invasione russa dell’UCRAINA, addebitano all’occidente in particolare agli Stati Uniti d’America ed alla NATA la vera causa dell’aggressione.

    Ora, nel denunciare l’antistoricità e la strumentalizzazione politica della tragedia, l’unico invito che si può fare a questi “carissimi amici – marxisti immaginari” è:

    L’evoluzione del pensiero appartiene alla condizione umana: ne approfittino!!

    Mario Svaluto Moreolo
    Segretario del P.D. del Circolo OLTRARDO

    Mario Svaluto Moreolo
    Presidente Associazione Volontari della Libertà di Belluno

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.