23 Maggio 2024
Ambiente & TerritorioNewsProvincia

Diga sul Vanoi, il PD si mobilita. Scarpa e Del Bianco: «Opera dannosa». Raccolta firme, interrogazione parlamentare e mozioni in tutti i comuni bellunesi.

Rachele Scarpa, deputata del collegio Venezia-Treviso-Belluno e componente della commissione ambiente della Camera: «La diga sul torrente Vanoi è un’opera dannosa per il territorio e che porta rischi molto più concreti dei supposti benefici che Zaia sostiene di voler ottenere dalla realizzazione del bacino. Lo hanno ben detto il Sindaco di Lamon, Loris Maccagnan, e il Segretario Provinciale del PD di Belluno, Alessandro Del Bianco: la valle del Vanoi ha una classe di pericolosità idraulica molto elevata (cosiddetta P4), il massimo riconosciuto, e con un intervento del genere, con una diga di oltre 126 metri, nell’area si rischiano disastri simili a quello del Vajont, che stiamo ricordando proprio in questi giorni. A distanza di 60 anni esatti da quella tragedia, sembra che si vogliano percorrere gli stessi errori, una vera e propria “offesa alla memoria” riprendendo le parole dell’ingegnere Dal Paos».

«È assurdo che un progetto vecchio e superato venga messo tra le priorità che la Regione Veneto ha indicato per contrastare la siccità nella nostra regione» prosegue Scarpa. «Voglio unirmi all’appello lanciato dai comuni del bellunese e dalla Provincia di Belluno, che, unitamente ai loro vicini trentini, sono stati chiarissimi nel voler rigettare l’opera, che sta venendo portata avanti senza nessun confronto con il territorio interessato, con investimenti di risorse pubbliche consistenti (ricordo, oltre il milione di euro già speso per la progettazione e i previsti 150 complessivi che la Giunta Zaia ha già richiesto allo Stato per finanziare l’opera). Il rapporto tra costi, ambientali ed economici, di quest’opera e i suoi presunti benefici è totalmente sproporzionato, così come lo è la sua scala dimensionale. Insieme alla collega Sara Ferrari, deputata eletta nella provincia di Trento, presenteremo un’interrogazione al Ministro Pichetto-Fratin affinché la progettazione dell’opera si fermi immediatamente e si mettano in agenda interventi capaci di risolvere veramente le criticità idriche del Veneto senza compromettere le sue parti più fragili».

Unitamente all’iniziativa parlamentare, il Partito Democratico si sta mobilitando sul territorio. Alessandro Del Bianco, Segretario Provinciale di Belluno dichiara: «Quello della diga del Vanoi è un progetto emblematico: a sessant’anni dal Vajont la Regione del Veneto vorrebbe costruire una diga con un lago artificiale di 33 milioni di metri cubi in una zona ad altissimo rischio idrogeologico. Non possiamo permettere che questo progetto prosegua. Abbiamo presentato ordini del giorno in tutti i comuni del bellunese e in Provincia. Sabato ci mobiliteremo con i gazeb,o promuovendo nelle piazze una raccolta firme che abbiamo già lanciato online e in pochi giorni ha avuto oltre un migliaio di adesioni. Saremo a Lamon, Sovramonte, Feltre e Belluno. Invitiamo tutti i cittadini a prendere posizione contro questo sciagurato progetto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.