Viabilità, PD Cadore: “Il Comelico non può rimanere isolato”

«Dobbiamo restare uniti ed evitare fughe in avanti. Su una cosa siamo tutti d’accordo, il Comelico non può rimanere isolato». Lo affermano Mario Bonazzola del Circolo PD Cadore – Comelico – Val Boite, la Segretaria provinciale PD Monica Lotto e il deputato bellunese Roger De Menech.

«Lunedì parteciperò alla riunione convocata a Santo Stefano di Cadore», anticipa De Menech. «È corretto l’approccio di affrontare tutti insieme il problema come amministratori, rappresentanti dei cittadini e delle categorie economiche. Dividerci su questo tema sarebbe un inutile esercizio di stile e allontanerebbe le soluzioni invece che avvicinarle».

L’unione nella scelta delle priorità, ricorda Monica Lotto, «ci ha consentito in meno di venti anni di rifare a nuovo il tratto di statale tra Longarone e il Ponte Cadore e negli ultimi tre anni di trovare i finanziamenti e far partire i lavori per 70 milioni di euro sulle strade del Comelico. Potremo trovare una soluzione all’annoso problema della connessione con il Comelico solo a patto di condividere le priorità ad ogni livello istituzionale».

«Per il Comelico e il Cadore dobbiamo cogliere l’opportunità di rivedere il piano della mobilità interna», dice Bonazzola, «garantendo attraverso infrastrutture accessibili a diverse modalità (auto, bici, trasporto pubblico) i collegamenti e i servizi per le terre alte».

Un pensiero su “Viabilità, PD Cadore: “Il Comelico non può rimanere isolato”

  • 25 Dicembre 2021 in 16:48
    Permalink

    Condivido in toto le considerazioni dell’amico Mario Bonazzola.
    E’ in questi termini ed in prospettiva che deve essere impostata l’azione politica ed amministrativa per
    far uscire la Provincia dall’attuale condizione di minorità in merito alla viabilità.
    Mi permetto di esigere dai responsabili del Partito democratico Bellunese presenti in tutte le sue articolazioni
    di esprimere in maniera chiara e definitiva analogo sostegno alla Viabilità della città di Belluno – Capoluogo della Provincia -.
    E’ evidente il riferimento alla definitiva realizzazione della Strada interna della Veneggia che razionalizzerà l’insostenibile
    traffico di attraversamento con la Sinistra Piave e con l’Autostrada con il ponte a San Pietro in Campo-Sagrogna.
    Non è per testarda coerenza con la miglior politica del recente passato, ma semplicemente uno sguardo competente
    e collaudato per trarre la Città Capoluogo e questa nostra Comunità Provinciale dalle troppe mediocrità che ancora persistono.
    Mario Svaluto Moreolo
    Segretario PD-Circolo OLTRARDO (Bwelluno)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.